Cresce il fenomeno dei punti di ritiro

In questi ultimi giorni, ascoltando l’ultima puntata di 2024, mi sono reso conto che i punti di ritiro (Pick Points) stanno finalmente affermandosi anche in Italia.

Locker InPost

Locker TNT|InPost in collaborazione con ePRICE

Un punto di ritiro permette di prelevare un prodotto acquistato online: può essere il negozio stesso, un bar oppure un armadietto automatico in un punto ad elevata frequentazione.

Nel primo caso si parla di Pick and Pay (Ritira e paga): abbiamo molte iniziative interessanti già ampiamente collaudate, come Mediaworld, Euronics, Pixmania e Unieuro.

A questi player fisici (con una reale catena di negozi sul territorio), si aggiunge banzai marketing con il suo innovativo servizio: non avendo negozi fisici, ha messo a punto un network di negozi affiliati in cui è possibile ritirare e pagare la merce acquistata sul sito ePRICE. Inoltre stanno lanciando una rete di Delivery Locker automatici (Armadietti per la consegna) in collaborazione con TNT  e InPost.

I locker sono distributori automatici che consentono il ritiro e la consegna di merci e documenti 24 ore su 24, 365 giorni all’anno: una vera rivoluzione per l’eCommerce italiano.

IndaBox: una startup italiana

Un player più piccolo, ma sicuramente interessante e da tenere d’occhio è IndaBox: con la sua rete di quasi 3000 negozi affiliati permette il ritiro di un pacco con il costo extra di €3. Un’opportunità interessante per molti bar e locali pubblici.

Amazon si fa avanti

Update: un aggiornamento degno di nota è l’espansione della rete di Amazon Locker in Italia.

1.AmazonLocker_cerca_il_tuo_locker._V268645920_

Su Milano è possibile trovare gli armadietti gialli di Amazon all’interno dei punti vendita U2 e Unes. Inoltre è possibile farsi spedire i pacchetti in molti uffici di Poste Italiane – però attenzione alle code 😉

amazon locker

La consegna a domicilio posticipata di MilkMan

Milkman permette di decidere l’ora di consegna dei nostri pacchi: faremo recapitare il nostro pacco all’indirizzo Milkman che ci è stato assegnato. Lo stesso “milkman” recapiterà il nostro pacco nella finestra temporale scelta, tipicamente in tarda serata.

milkman

5 Responses to “Cresce il fenomeno dei punti di ritiro

  • Ciao Francesco,
    ritieni possa essere fattibile e conveniente creare un punto che sia di “solo ritiro”. Mi spiego meglio…. aprire un locale dove effettuare questa attività senza avere già un negozio?
    Grazie per la tua opinione
    Rita

    ps
    zona Roma nord ovest

    • Ciao Rita, grazie della tua domanda.
      Bisognerebbe fare una stima, ma credo che non sia un modello sostenibile.
      Sicuramente i servizi legati al ritiro stanno evolvendo molto, ma senza poter contare su altre entrate, non penso che il servizio si potrebbe sostenere.

  • Buongiorno francesco,
    lavoro in un negozio di poste private e vorrei creare un punto di ritiro.
    Devo per forza affiliarmi alle società tipo “INDABOX” o posso gestirla autonomamente? e per essere in regola dobbiamo fare qualche tipo di permesso?
    grazie per la tua opinione
    Andrea

    • Ciao Andrea, grazie mille del tuo commento e domanda sul mio blog!
      Non sono un massimo esperto in materia, ma posso comunque dirti la mia opinione. non bisogna per forza, ma sicuramente iscriversi ad Indabox.it ti permetterà di accedere ad bacino preesistente di utenti.
      Inoltre mi viene da consigliarti il circuito degli Amazon Locker, che permette di accedere ad un altro importante bacino di acquirenti (https://goo.gl/71mbic)
      In entrambi i casi non penso sia necessaria una particolare licenza o permesso.

  • Francesco
    4 mesi ago

    Ciao Francesco è una buona idea aprire un pick and pay come fonte di guadagno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: